archivio

nude

Hi all! Here I am again, after a few months of silence, to share with you the post n° 100! Enjoy it!

 

Frédéric Delangle was born in 1965. He lives and works in Rueil-Malmaison, France.

www.fredericdelangle.com

 

All Images Copyright © Frédéric Delangle – Published with permission of the author.

1 coit - copie 2 coit - copie 3 coit - copieI quote the author: “Working on the sexual act meant going all the way-as close as possible to the coitus- showing the action in itself without ever crossing the boundary of the inappropriate detail. I started off asking myself about photographic recording of sexual act. For me, photography labours under a big handicap, compared to sculpture or painting, in that it can be very realistic- Courbet’s L’origine du monde for example- without being pornographic. In the end if a sculptor or a painter veers off into pornography it’s because he’s chosen to do so. In order to resolve the problem of voyeurism in relation to a photograph of a couple making love, I chose to work on time. Or perhaps I should say duration. Stretching out the exposure time to the duration of the coitus allowed me to avoid sliding into what might  have seemed like pornography, thought in fact that I really don’t care. I wanted to give another vision of sexual relationship- a vision on the threshold of the unconscious.

Riporto il progetto dell’autore: “Lavorare sull’atto sessuale significava andare in tutti i sensi -quanto più vicino possibile al coito- mostrando l’azione in sé, senza mai oltrepassare il limite del dettaglio inappropriato. Ho iniziato facendomi domande sulla registrazione fotografica dell’atto sessuale. Per me, la fotografia lavora con un grande handicap rispetto alla scultura o alla pittura, le quali possono essere molto realistiche -Courbet con l’Origine del Monde per esempio – senza risultare pornografiche. Alla fine, se uno scultore od un pittore lavorano nella pornografia è perché hanno scelto di farlo. Al fine di risolvere il problema del voyeurismo nei confronti di una fotografia di una coppia che fa l’amore, ho scelto di lavorare sul tempo. O forse dovrei dire durata. Allungare il tempo di esposizione per tutta la durata del coito mi ha permesso di evitare di scivolare in quello che poteva sembrare pornografia, cosa che davvero non mi interessa. Ho voluto dare un’altra visione del rapporto sessuale, una visione sulla soglia dell’inconscio.

4 coit - copie 5 coit - copie 6 coit - copieYes I materialised the sexual act and gave it a face without there being a film; because even if both mediums use time and negatives, the fact is that with traditional techniques a film exits only in a process . The movements are captured and transcribed, stage after stage.This photographs, on the other hand, were playing with time. They brought together the different stages of coitus in an image. I folded the begining on to the end, along with the middle. I compacted time, so that the different moments of the act were expressed only by the clear an the hazy. And unlike films, which for me are too directive, at least for this kind of object, my photographs impose nothing-not even an interpretation. Looking at my images, I’m not trying to re-create scenes in my mind. My interpretation’s angled towards the hazy parts, which I know represent rapid movements, and clear part, which result from slower movements. I just try to decipher the rythms. The feeling, for their part, aren’t accessible to me. I know that some people project themselves into the images and imagine the positions of the sexual relationship, but for me they’re mistaken. Everything overlaps, so no one can really tell what happened. And that’s what I like : people can interpret the image any way they like.

Sì, ho materializzato l’atto sessuale e gli ho dato un volto senza essere un film; perché anche se entrambi i mezzi usano il tempo ed i negativi, il fatto è che con la tecnica tradizionale il film esiste solo in una progressione. I movimenti sono catturati e trascritti, passo dopo passo. In queste fotografie invece, ho giocato con il tempo. Ho portato insieme le diverse fasi del coito in un’immagine. L’inizio è piegato verso la fine, insieme a ciò che è avvenuto durante. Diversamente dai film, che reputo siano troppo diretti, almeno per questo tipo di soggetto, le mie fotografie non impongono nulla, neanche un’ interpretazione. Guardando le mie immagini, non sto cercando di ricreare scene in mente. La mia interpretazione propende verso parti nebbiose, rappresentate da movimenti rapidi ed una parte chiara, che deriva da movimenti più lenti. Cerco solo di decifrare il ritmo. Il sentimento, da parte loro, non mi è accessibile. So che alcune persone si proiettano verso l’immagine ed immaginano le posizioni dell’atto sessuale, ma per me sbagliano. Tutto è sovrapposto, nessuno può realmente dire cos’è successo. E’ proprio questo quello che mi piace: le persone possono interpretare l’immagine come meglio credono.

7 coit  - copie 8 coit  - copie 9 coit  - copieI only suggest what happens. I’ve come right up to the limit : I show without really showing ! By compacting time, I don’t give a false image of reality, or even use any artifice. I « notify » a reality. I create a sort of temporal « filter », in the sense that I give another reading of time, using the properities of the photographic medium. And people can take the filter any way they want to. I don’t like clear-cut, obvious images. And that why I avoid offering anything explicit. Being categorical isn’t what I’m after. I always prefer what’s suggested- what’s proposed, not imposed.”

Io suggerisco soltanto quello che sta succedendo. Sono arrivato giusto al limite: mostro senza mostrare realmente! Compattando il tempo non do una falsa immagine della realtà, non uso nessun artificio. “Notifico” la realtà. Creo una sorta di filtro temporale, nel senso che do un’altra lettura del tempo, usando la prosperità del mezzo fotografico. Le persone possono prendere questo filtro come preferiscono. Non mi piacciono i tagli chiari e le immagini ovvie. Per questo non offro nulla di esplicito. Preferisco ciò che è suggerito piuttosto a ciò che è detto, imposto.”

10 coit  copie coit21 - copie coit24 - copie

Annunci

Justyna Neryng was born in Chelmsko, Poland in 1981. She now lives and work in Brighton, England.

www.justynaneryng.co.uk

 

Justyna Neryng’s work is all about portraits. Her characters have a little bit of a “shady” personality, a bit of a “dark” look. I don’t know the personal story of the photographer but somehow I have the feeling that in a way she is letting us see a bit of her own dark side, as if it was her trademark. There are photographers who want to remain as objective as possible with regards to the subjects they are phtographing and the consequent result of their work; Justyna is certainly not one of those. Quite the opposite, what I read in her pictures is a strong prevalence of her own vision, as if all these pictures were selfportraits of herself in different bodies. The first ones are my two very favorite ones, I find them just splendid. Enjoy.

Il lavoro fotografico di Justyna Neryng gira tutto intorno al ritratto. I suoi soggetti hanno un carattere un po’ ombroso, un’estetica un po’ dark; io non conosco la storia personale dell’autrice, ma ho come l’impressione che ella volutamente lasci trasparire quella parte ‘scura’ di sé, quasi come se quello fosse il suo ‘marchio di fabbrica’. Ci sono autori che cercano di rimanere i più oggettivi possibili rispetto ai loro soggetti e rispetto all’opera finita, Justyna non è tra questi. Al contrario, ciò che leggo nelle sue foto, è proprio una forte prevalenza della sua visione, come se tutti questi che vedete fossero autoritratti di lei stessa con corpi differenti. Le prime due sono quelle che preferisco in assoluto, le trovo bellissime. Enjoy.

 

All Images Copyright © Justyna Neryng – Published with permission of the author.

Julia Johanna Dorothee Krahn was born in Juelich, Germany and now lives and works in Milan. She is represented by ANTONELLA CATTANI CONTEMPORARY ART, CARLOTTA TESTORI STUDIO, VOICEGALLERY and GALERIA PATRICIA CONDE.

www.juliakrahn.com

 

The work of Julia Krahn quests for the permeability of the sight between the artist’s and the observer’s identity. Daily objects, symbols, traces of the past are here redefined through the photographic images. Her works are therefore characterized by a fluid ambiguity: the artist is interested on crystallizing the fragments of a secret and real private and transforming it from a liquid to a solid state, more than just narrating a story or reporting the passing of time. The artist research reflects upon lost and unbalanced values in society, family, and religion up to pointing her camera on images that recalls Christian icons. She creates images that underline the contrast with traditional symbols and works on the inner conflicts staging pairs of opposites, at times making self portraits with the automatic shutter release using her own body. In Krahn’s work importance is equally given to image and format on a range of work that is developed on different scales and supports creating an overall feeling that, from time to time, drives the observer in new perceptions of the  image. Her giant wallpapers with all the strength of an image without supports, glass or frames overbear the observer, physically overlook him, acquiring pictorial features that like big frescos breaks the distance between the observer and the ambient. At the same time the artist combines the space with small unique pieces as the metal frame cammeos which to the contrary of the wallpapers set up a face to face dialogue with the viewer involving him with the preciousness of the object and of its perception. Likewise memories is a series of photo/object mounted on a thick acrylic glass which acts as lens to the image leading the mind to the dimension of the souvenirs. In this context the artist inserts also more classical formats as framed pictures realized with more traditional supports. Enjoy.

Il lavoro di Julia Krahn si interroga sulla permeabilità dello sguardo tra identità dell’artista e dello spettatore. Gli oggetti quotidiani, i simboli, le tracce del passato sono così ridefiniti attraverso l’immagine fotografica in opere che si caratterizzano in questo senso per una fluidità ambigua: più che il racconto dello scorrere del tempo o la costruzione di una storia, all’artista interessa cristallizzare, cioè trasformare da stato liquido a solido, i frammenti di un reale privato e segreto. La ricerca artistica della Krahn passa attraverso la riflessione sui valori perduti o sbilanciati della società, della famiglia, della religione, fino a portare l’obiettivo su immagini che riconducono alle icone Cristiane, lavorando in alcuni casi con l’autoscatto, creando immagini che sottolineano il contrasto con i simboli tradizionali e lavorando sui conflitti attraverso la messa in scena di coppie di opposti. Nell’opera della Krahn altrettanta forza che all’immagine viene data al formato dei lavori che si sviluppano su scale e supporti differenti creando un gioco che di volta in volta porta l’osservatore a una nuova percezione dell’immagine. I suoi giganti wallpaper sovrastano lo spettatore con tutta la potenza di un’immagine senza supporti, vetri o cornici, immagini che dominano fisicamente, immagini che prendono acquisiti pittorici e che, come grandi affreschi, tolgono ogni distanza tra il fruitore e l’ambiente. In uno stesso contesto lo sguardo viene poi chiamato e portato su piccoli pezzi unici: sia la volta dei cammei in cornici di metallo che stabiliscono un dialogo one to one, intimo, col fruitore, richiamandolo alla preziosità dell’oggetto e della sua percezione; o sia la volta di memories, foto/oggetti montati su uno spesso strato di plexiglas che fa da lente a immagini che riportano alla dimensione del ricordo. In questo percorso, passando anche attraverso formati più classici l’artista inserisce fotografie realizzate su supporti più tradizionali quali vere e proprie cornici che contengono l’immagine. Enjoy.

 

All Images Copyright © Julia Krahn – Published with permission of the author.

Ulrich Lebeuf was born in 1972. He works and lives in Toulouse.

www.ulrichlebeuf.fr

 

The project I am presenting today is called “Antonyme de la pudeur”. I quote part of a paragraph written by Christian Caujolle: “(…) Ulrich Lebeuf, on his side, claims, in a brillant way, that photography is here to evoke not to describe. (…) By his look, isolating a detail, the photographer transforms it into a sign and reveals it as an object of interpretation and a starting point of a « story » that we build in a freedom he limits however by the edges of his rectangle. A blond wig left on a red bed, for example. (…) On the other hand, the recourse to the out-of-frame as a crucial element in the organization of the point of view : what is not shown becomes more important than what is represented. This practice is not new and we know how the film industry, even more radically than the photography, has taken over that possibility about the out-of-frame and has used it in a way to tell a lot about or in a way to trick tremendously. Then, it is hardly any important that those images have been made during the shooting of erotic or pornographic movies. This is just an extra game, which question about erotism ; an old question regarding the fact that revealing is often able to, shattering the mystery, reach the fantasy and end the desire. Though, there is, at the opposite of all that could be shabby and distressing in pornographic films, a sort of jubilation, about life and wink of an eye in that piece of work. He reveals that, thought that way, photography has a sens. It obliges us to think about watching and seeing truly. It is not so common nowadays.”

Il progetto che presento oggi si intitola “Antonyme de la pudeur”. Riporto parte di un paragrafo scritto da Christian Caujolle: “(…) Ulrich Lebeuf da parte sua, dimostra in maniera brillante che la fotografia è qui per evocare e non per dimostrare. (…) il suo sguardo, isola il dettaglio e lo trasforma in un segno che si rivela come oggetto di interprestazione e punto di inizio di una storia; storia che noi costruiamo liberamente all’interno dei limiti del suo rettangolo. Una parrucca bionda lasciata in un letto rosso, per esempio. (…) poi c’è il ricorso al fuori-scena come elemento cruciale nell’organizzazione del punto di vista: quello che non è mostrato diventa più importante di quello che è rappresentato. Questa pratica non è nuova, e sappiamo come l’industra cinematografica, anche più di quella fotografica, abbia ripreso tale possibilità per raccontare molto o per ingannare tremendamente. Quindi, non è in nessun modo importante il fatto che queste immagini siano state scattate durante la ripresa di film pornografici. E’ solo un gioco in più che ci pone domande sull’erotismo; come la vecchia questione sul fatto che il mettere in mostra, distruggendo il mistero, esaurisce la fantasia e il desiderio. Però, al contrario dello squallido e dell’angosciante che potrebbe trasparire da un film pornografico, c’è qui una sorta di esultanza alla vita. Egli rivela che in questo modo la fotografia ha un senso. Ci obbliga a pensare se quello che guardiamo è vero, e questo non è così comune al giorno d’oggi.”

 

All Images Copyright © Ulrich Lebeuf – Published with permission of the author.

Oliver Valsecchi is represented by the Rize Art Gallery (The Netherlands)

www.olivervalsecchi.com

 

The portraits of the “Dust” series from Oliver Valsecchi are a celebration of form. The individuals are like dancers who perform and wrestle in the void; the immages are dynamic and the charachters seem to be in another dimension. The cloud of dust that follows their movements gives the whole project a very dramatic charachter. I would love to see these pictures printed big, very big…boy I am sure I would be left breathless.

I ritratti della serie “Dust” di Oliver Valsecchi sono un puro elogio della forma. I soggetti sono come ballerini che danzano e che lottano nel vuoto; le immagini sono dinamiche e i personaggi sembrano trovarsi in un’altra dimensione. La nuvola di polvere che segue i loro movimenti da un’intensa carica drammatica a tutto il progetto. Vorrei vedere queste immagini stampate grandi, grandissime…sono sicura che rimarrei senza fiato.

 

All Images Copyright © Oliver Valsecchi – Published with permission of the author.

www.nicolvizioli.com

 

Nicol Vizioli is a young Italian photographer and painter. She was born in Rome and currently lives in London. All the galleries of her website show projects with a great aesthetic taste. Her portraits have a highly emotional sense, and they are surely the product of a very dared mind. The project hereby shown is called “Anti-Fashion Manifesto” and, as this title suggests, it is a series of portraits of women with characteristics far from what is normally acclaimed by the fashion industry. However it is somehow the imperfections and even the shady color of the skin of these women (almost ill I could say) that provide this work with a sort of humanity. This is definitely a project I had to go deeper into and one to which I feel I belong to.

Nicol Vizioli è una giovane fotografa e pittrice italiana, nata a Roma, che ora vive e lavora a Londra. Tutte le gallerie del suo sito presentano progetti di grande gusto estetico, i suoi ritratti hanno una forte carica emotiva e sono senza dubbio il risultato di una mente molto audace. Il progetto qui presentato si chiama “Anti-Fashion Manifesto”, e come ci suggerisce il titolo, si tratta di una serie di ritratti di donne con caratteristiche ben lontante da quelle osannate dal mondo della moda. Eppure i difetti, le imperfezioni, il colore della pelle di queste donne (quasi malato oserei dire) ne fanno un lavoro pieno di umanità; un lavoro che non posso fare a meno di indagare e a cui, in qualche modo, sento di appartenere.

 

All Images Copyright © Nicol Vizioli – Published with permission of the author.

Neil Craver is a young photographer from North Carolina.

www.omni-phantasmic.com

www.vimeo.com/neilcraver

 

My first reaction when I saw the shapes and colors of this project by Neil Craver was: “WOW!”. Then, while having a closer look at every photo individually, I was impressed by the fact that every single shot (and they are many) was a beautiful image. “OmniPhantasmic” is not only a project of nude photos, and it’s not just an underwater photo project either. It is rather one of those oniric trips with no plot and no predetermined direction. One where the elegance of the female figure together with the inhospitable underwater flora creates a wonderful set of contrasting feelings. The project as a whole is like an uncontrolled flow of thoughts totally free to roam from one place to another within our unconscious. Let yourself be carried away by these pictures… Good vision!

La prima cosa che ho pensato quando ho visto le forme e i colori di questo progetto di Neil Craver è stata: “WOW!”. Quando poi ho iniziato a sfogliare le foto una ad una, sono rimasta piacevolmente colpita anche dal fatto che ogni singola immagine (e guardate che sono tante) fosse una bella immagine. “OmniPhantasmic” non è solo un progetto di foto di nudo, e non è neppure solo un progetto di foto subaquee. E’ piuttosto uno di quei viaggi onirici che non hanno né trama né direzione, ove all’interno del quale l’eleganza della figura femminile assieme all’inospitale flora subacquea del lago, crea un meraviglioso insieme di sensazioni contrastanti. Il progetto nel suo insieme è come un flusso di pensieri incontrollato, totalmente libero di spaziare da un posto all’altro del nostro inconscio. Lasciatevi anche voi trasportare da queste foto…buona visione.

 

All Images Copyright © Neil Craver – Published with permission of the author.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: