archivio

Archivio mensile:aprile 2012

Corey is a photographer and Alaskan commercial fisherman.

www.coreyfishes.com

FISH WORK The Bering Sea, is now available for order online here.

 

Corey Arnold is working in an on-going project called “Fish-work”, which addresses life around commercial fishing in the world. The selection I am presenting today specifically deals with the extreme fishing of royal crab in the sea of Bering. The images tell us about the courageous life at sea of men who face cold, storms, loneliness and the most extreme conditions to develop their work. The most remarkable thing is that the author in this case is not just an external observer sitting there watching and taking photos, but he is an active part of the crew. He was born and raised in that world, and he has now elected to share his experience through his pictures. Enjoy…

Corey Arnold sta lavorando ad un progetto senza termine chiamato “Fish-work”, che racconta lo stile di vita intorno alla pesca commerciale nel mondo. La selezione che propongo oggi fa parte di un lavoro sulla pesca estrema del granchio reale nel mare di Bering. Le immagini ci raccontano la coraggiosa vita in mare di uomini che affrontano il freddo, la tempesta, la solitudine e le condizioni di vita più estreme per svolgere il loro lavoro. La cosa eccezionale è che il fotografo non è una figura esterna andata a documentare i fatti, ma un membro dell’equipaggio, nato e cresciuto in quel mondo, e che ha voluto condividere la sua lunga esperienza attraverso il mezzo fotografico.

 

All Images Copyright © Corey Arnold – Published with permission of the author.

Missoula, Montana, 1977. Represented by HELLO ARTIST

www.hollyandres.com

 

I quote a paragraph directly from the author’s website: “THE FALL OF SPRING HILL continues Holly Andres’s examination of personal narrative and feminine subjectivity. In large-scale, lush color images, Andres ponders the complexity of childhood, the fleeting nature of memory, and female introspection. This new work is the most recent chapter in an on-going photographic project depicting short melodramas of fictitious families. These are personal accounts of childhood memories in which mothers performed heroic acts in an attempt to protect their children. Through a suite of 13 photographs The Fall of Spring Hill illustrates an incident from a summer church camp in which a child injures himself by falling from a dilapidated wooden play structure and the mothers’ fierce reaction to deconstruct it in retribution.”

Riporto un pezzo direttamente dal sito dell’autore: “THE FALL OF SPRING HILL continua la ricerca di Holly Andress nell’universo femminile. Nelle sue grandi immagini a colori, Andres medita la complessità dell’infanzia, la natura fugace della memoria e l’introspezione femminile. Questo nuovo lavoro è il capitolo più recente di un progetto fotografico in corso, raffigurante brevi melodrammi di famiglie fittizie. Si tratta di racconti personali di ricordi d’infanzia, in cui le madri si esibiscono in atti eroici nel tentativo di proteggere i loro bambini. Attraverso una raccolta di 13 fotografie, ‘The Fall of Spring Hill’ illustra un incidente in un campo estivo parrocchiale, in cui un bambino si ferisce cadendo da una struttura fatiscente in legno, e la successiva feroce reazione delle madri che corrono a distruggerla per punizione.”

 

All Images Copyright © Holly Andres/HELLO ARTIST – Published with permission of the author.

Rafa Zubiría is a young photographer from San Sebastiàn, Spain.

www.rafazubiria.es

 

One more time I want to bring to your attention an author whose main characteristic is knowing how to let his fantasy fly free. “No way home” is the title of this project, and I am sure that each one of you will have a unique way of interpreting it. The shown images are all metaphors and make us think of all those people that find themselves in a place they cannot call home but at the same time are not able to go back to a home for whatever reason, political, personal, economical or otherwise. I love when photography gets so easily to be the trigger for reflection, discussion, and debate. And I love even more when a complex concept is summarized in such an intelligent but at the same time simple way. I have to acknowledge the author has the merit of achieving all of these. Bravo!

Anche oggi voglio proporre un autore che come principale caratteristica ha quella di saper dare libero sfogo alla fantasia. “No way Home” è il titolo di questo progetto, e sono sicura che ognuno di voi avrà il suo modo d’interpretarlo. Queste immagini sono pure metafore, mi fanno pensare a tutte quelle persone che non hanno un posto nel mondo da considerare ‘casa’, o che per qualche motivo, politico o personale che sia, non hanno modo di poterci tornare. Mi piace quando una fotografia riesce così facilmente a diventare spunto di discussione, e ancora di più mi piace quando il concetto viene sintetizzato in maniera intelligente e semplice nell’immagine. Devo riconoscere all’autore di avere questo merito. Bravo.

 

 

All Images Copyright © Rafa Zubiría – Published with permission of the author.

Tom Chambers was born and raised on a farm in the Amish country of Lancaster, Pennsylvania.

www.tomchambersphoto.com

 

One of the most common and frustrating discussions in photography over the last few years has been that which has to do with “to retouch or not to retouch”. The topic has been addressed so much and so often that it seems to have become anachronistic. Those “party poopers”, those fearful, or those simply unable to use all resources available these days to communicate (and I am not inferring it is necessary to know how to use all of them) come up always with very puristic and nostalgic explanations, create mentally and photographically closed categories and end up trying to prevent everyone (but really just preventing themselves) from enjoying so many contemporary artistic moments and alternatives. Communication has no limits and no frontiers, goes well beyond the dark or the light rooms. Who can for example claim that the one made by, say, Erwin Olaf is not photography? Today I want to share with you the work of Tom Chambers. This is not a series, but rather a collection of shots falling all under a common dream-related style, a style that the author has conceived, elaborated and executed with a unique and very personal outcome. The way I see it is: whoever wants to watch artistic works either paintings, sculpture, photography, etc should imagine to be sitting in front of a magician, let themselves go and try to become children enjoying being deceived and fascinated  instead being obsessed about the “how” or “where” is the trick. Become children and have a good vision!

Uno dei temi fotografici più esasperanti degli ultimi anni è stato “fotoritocco sì – fotoritocco no”. Se ne è parlato talmente tanto al punto da essere già diventato un discorso anacronistico. I guastafeste, i timorosi, quelli che non sono capaci di utilizzare tutti i mezzi che abbiamo oggi a disposizione per comunicare (e non voglio dire che sia necessario saperlo fare), si inventano discorsi puristi, nostalgici, creano categorie fotografiche e mentali chiuse, pregiudicando persino loro stessi la possibilità di godere di tanti momenti artistici contemporanei. La comunicazione non ha limiti, non finisce in camera oscura, né negli srumenti basici della camera chiara…chi potrebbe ad esempio dire che quella di Erwin Olaf non sia fotografia? Oggi vi introduco al lavoro di Tom Chambers, con una serie di immagini non appartenenti ad un’unica serie, ma accomunate da uno stile prettamente onirico. Uno stile che l’autore ha concepito, ragionato e realizzato, con un risulatato sicuramente unico e personale. Chi vuole guardare all’arte, alla pittura, alla fotografia ecc. dovrebbe immaginare di trovarsi di fronte ad un prestigiatore, tornare allo stato infantile in cui non si prova a cercare il trucco e lasciarsi solamente affascinare dallo spettacolo. Buona visione.

 

All Images Copyright © Tom Chambers – Published with permission of the author.

Brock lives in Minneapolis, he is an Art Director, Creative Director, Artist, Designer, Illustrator, Photographer and Conceptual Thinker.

www.itistheworldthatmadeyousmall.com

 

Brock Davis is not a conventional photographer, he is rather an all-round creative. Fun is probably the word that better describes the project that I took a piece of and I am presenting hereby (I strongly recommend to have a look at the whole thing though) and which is called “Make something cool every day -2009”.  This is another good opportunity to reflect about the endless uses of photography for those with a minimum of fantasy…

Brock Davis non è un fotografo convenzionale, è più che altro un creativo a tutto tondo. Prima di tutto mi è sembrato molto divertente ed interessante il progetto dal quale ho estrapolato la piccola parte fotografica che ripropongo qui (vi consiglio di dare un’occhiata anche al resto), che si intitola: “Fai qualcosa di cool ogni giorno – 2009”. Si tratta di nuovo di uno spunto interessante per riflettere sugli infiniti utilizzi del mezzo fotografico per chiunque sia dotato di almeno un poco di fantasia…

 

All Images Copyright © Brock Davis – Published with permission of the author.


Bertil Nilsson is a Swedish, London-based photographer.

www.bertil.co.uk

www.undisclosedcircus.com

 

Dance and dancers have always been subjects with a huge phtographic potential. All the particulars of the dance world, the movement, the form, the expression are shared by photographers and photography. Sadly it seems to me that dance has remained one subject which photographically has not been approached in very innovative ways. Personally I would like to see more decontextualization of those human forms and see them extrapolated to unexpected situations. The photos of Bertil Nilsson, although very focused in the purity of form, are part of that approach I mean.

Penso che la danza e i ballerini in generale abbiano una grande potenzialità come soggetto fotografico. Tutte le peculiarità di quel mondo, il movimento, la forma e l’espressione sono spesso anche interessi del fotografo. Purtroppo però, la danza rimane anche uno degli ambito meno rinnovati dal punto di vista fotografico. Personalmente, vorrei vedere decontestualizzate quelle forme umane e vederle vivere in situazioni inaspettate. Le foto di Bertil Nilsson, seppur molto incentrate sulla purezza della forma, vanno anche su questa direzione…

 

All Images Copyright © Bertil Nilsson – Published with permission of the author.

Mariel Clayton is a young Canadian photographer from Ontario.

www.thephotographymarielclayton.com

 

This is what Mariel Clayton has to say about herself: “I am a photographer of dolls with a subversive sense of humor. I think life is a mad and hysterical place and if we don’t laugh about it we will never be able to really understand it. I did not have a difficult childhood, I was never abused, and I am neither mean, nor “dark”, nor psychotic. I just think what I do is sickly fun and I want to share it with people”. I am not sure if the author has a specific message to convey with her scenes, if she wants to reflect about contemporary woman, about her psychosis, or if she just pretends to shake up the myth of the most famous, sweet, and angelical doll in the world…in any case the one thing I am sure about is that all the cruelty and carefulness used to reproduce these situations constitutes a remarkable work. So here, for you all, a beautiful dose of violence, blood, perversion, craziness and beheading….have a good vision!

Questo è ciò che Mariel Clayton dice di sè: “Sono una fotografa di bambole dal senso dell’umorismo sovversivo. Credo che la vita sia un luogo incasinato ed isterico, e se non ne ridiamo non saremo mai in grado di capirla davvero. Non ho avuto un’infanzia difficile, non ho subito abusi, non sono nè cattiva, nè dark, nè psicotica. Credo solo che quello che faccio sia dannatamente divertente, e voglio condividerlo con la gente.” Non so se l’autrice abbia un messaggio preciso da trasmettere con le sue scenografie, se voglia fare una riflessione sulla donna contemporanea, sulle sue psicosi, o se voglia semplicemente ribaltare il mito della dolce e angelica bambola più famosa del mondo…ma  sono certa che tutta la crudeltà e la meticolosità impiegate nel realizzare queste situazioni, ne facciano un lavoro straordinario. Ecco a voi una bella dose di violenza, sangue, perversione, follia e decapitazione…buona visione.

 

All Images Copyright © Mariel Clayton – Published with permission of the author.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: