Paula Winkler

Paula Winkler lives and works in Berlin.

www.paulawinkler.com

 

Through the project “Exeptional Encounters”, Paula Winkler has entered in a world quite mysterious for most of us. A virtual world where people have only pseudonyms and alter-egos which they normally hide in real life. The author has taken some of these ephemeral characters and has given them a body through her images. This is what Paula says about this work: “For the project I create the pseudonym of “Renate Rost” and go onto internet sex platforms. There I contact men via email and chat and ask them if I can photograph them naked in hotel rooms. On the one hand I am very interested to see what kind of men are really hidden behind these anonymous internet profiles and on the other hand I am very keen on transforming their sexually coded bodies into an image. As a photographer and as a woman I miss the heterosexual gaze on the male body. I enjoy challenging the balance of power of the male gaze and the female object and let the men become my object of desire. For this reason I only work with heterosexual men that react to me as a female photographer. The process of photographing becomes a role play itself which reveals a sexuality and transforms it into an image that often even surprises my sitters. The interest in creating a scenario with a documentary background and the love for images superimposes the original setting: a man, a woman, a hotel room.” Enjoy.

Paula Winkler con il progetto “Exeptional Encounters” è riuscita ad entrare in un mondo, per la maggiorparte di noi, misterioso. Un mondo virtuale in cui gli uomini si conoscono per pseudonimi ed esibiscono alterego che nascondono nelle loro vite reali. L’autrice ha preso alcuni di questi effimeri personaggi e ne ha dato corpo con le sue immagini. Questo è ciò che ci racconta Paula del suo lavoro: “Per questo progetto mi sono creata lo pseudonimo di “Renate Rost” per poter accedere tramite internet su di alcune piattaforme sessuali. Ho contattato uomini via email e via chat chiedendo loro se avessi potuto fotografarli nudi in camere d’albergo. Da un lato sono molto interessata a vedere che tipo di uomini si nascondono dietro questi profili anonimi di internet, e dall’altra parte mi piace molto l’idea di trasformare i loro corpi sessualmente codificati in un’immagine. Come fotografo e come donna mi manca lo sguardo eterosessuale sul corpo maschile. Mi piace sfidare l’equilibrio di potere, lo sguardo maschile sulla ‘femmina oggetto’ e lasciare che gli uomini diventino il mio oggetto di desiderio. Per questo motivo lavoro solo con uomini eterosessuali che reagiscono a me come un fotografo donna. Il processo di fotografare diventa esso stesso un gioco di ruolo che rivela una sessualità e la trasforma in un’immagine. L’interesse nel creare uno scenario con un background documentario e l’amore per le immagini, sovrappone l’impostazione originale: un uomo, una donna, una camera d’albergo.” Enjoy.

 

All Images Copyright © Paula Winkler – Published with permission of the author.

Annunci
1 commento
  1. You really make it appear so easy along with your presentation however I
    to find this topic to be actually something that I
    feel I would never understand. It kind of feels too complex
    and extremely huge for me. I am looking forward in your subsequent
    submit, I will try to get the grasp of it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: